Vai ai contenuti

Menu principale:


UNZIONE DEGLI INFERMI

Il SANTUARIO > VITA DELLO SPIRITO

L'UNZIONE DEGLI INFERMI

Il problema del dolore e della malattia è sempre stato uno dei più angosciosi per l'esistenza umana. I cristiani, illuminati e sorretti dalla fede in Cristo e dal Suo esempio, sanno quale sia il suo significato e il valore per la salvezza propria e del mondo. Anche nella malattia Cristo stesso è loro accanto, li ama, Lui che, nella Sua vita mortale, tante volte si recò a visitare i malati e tanti ne guarì.

La persona seriamente malata o anziana ha infatti bisogno, nello stato di ansia e di pena, di una Grazia speciale di Dio per non lasciarsi abbattere, per non tirare i remi in barca e correre il pericolo che la tentazione faccia vacillare la sua fede.

Proprio per questo Cristo ha voluto dare ai Suoi fedeli malati la forza e il sostegno validissimo dell'UNZIONE SANTA.

Questo sacramento conferisce al malato la grazia dello Spirito Santo: tutta la persona ne riceve un valido aiuto per la salvezza, si sente rinfrancato dalla fiducia in Dio, ottiene nuove forze contro e tentazioni del maligno, dono inoltre, se necessario, il perdono dei peccati e porta a termine il cammino penitenziale del cristiano.

Chi può ricevere l'unzione degli infermi?

Scrive l'apostolo san Giacomo: "Chi è malato chiami a sé i sacerdoti della Chiesa e preghino su di lui dopo averlo unto con olio nel nome del Signore; e la preghiera fatta con fede salverà il malato; il Signore lo rialzerà e se ha commesso peccati, gli saranno perdonati" (Gc 5,14-15).
Oggi la Chiesa raccomanda di ricevere questo sacramento:
- ai malati gravi;
- a quanti si accingono a subire un'operazione chirurgica per un male pericoloso;
- agli anziani, per l'indebolimento accentuato delle loro forze, anche se non risultano affetti da alcuna grave malattia.


Torna ai contenuti | Torna al menu