Vai ai contenuti

Menu principale:


Quaresima

La PARROCCHIA > Canzoniere



AI PIEDI DI GESU'

Signore sono qui ai Tuoi piedi, Signore voglio amare Te.
Signore sono qui ai Tuoi piedi, Signore voglio amare Te.

Rit. Accoglimi, perdonami la Tua grazia invoco su di me,
liberami, guariscimi e in Te risorto per sempre io vivrò.

Signore sono qui ai Tuoi piedi, Signore chiedo forza a Te.
Signore sono qui ai Tuoi piedi, Signore chiedo forza a Te.
Rit.

Signore sono qui ai Tuoi piedi, Signore dono il cuore a Te.
Signore sono qui ai Tuoi piedi, Signore dono il cuore a Te.

Rit. Accoglimi, perdonami la Tua grazia invoco su di me,
liberami, guariscimi e in Te risorto per sempre io vivrò.



COME UNA CERVA - Salmo 41 (L'anima mia ha sete)
(J. GELINEAU)

Rit. L'anima mia ha sete
del Dio vivente:
quando vedrò il Suo volto?

Come una cerva anela
ai corsi delle acque,
così l'anima mia anela
a Te, o Dio.
Rit.

La mia anima ha sete di Dio,
del Dio vivente.
Quando verrò e vedrò
il volto di Dio?
Rit.

Le lacrime sono il mio pane
di giorno e di notte
mentre dicono a me tutto il giorno:
dov’è il tuo Dio?
Rit.

Questo io ricordo e rivivo
nell’anima mia:
procedevo in uno splendido corteo
verso la casa di Dio.
Rit.

Perché ti abbatti, anima mia
e ti agiti in me?
Spera in Dio: ancora lo esalterò
mia salvezza e mio Dio.
Rit.

Sia gloria al Padre ed al Figlio
ed allo Spirito Santo:
a chi era, è e sarà
nei secoli il Signore.
Rit.


E' GIUNTA L'ORA – GV 17
(D. Machetta)


È giunta l'ora, Padre, per me. Ai miei amici ho detto che
questa è la vita:conoscere Te e il Figlio Tuo, Cristo Gesù.

Erano tuoi, li hai dati a me ed ora sanno che torno a Te;
hanno creduto: conservali Tu nel Tuo amore, nell'unità.

Tu mi hai mandato ai figli tuoi, la Tua parola è verità.
E il loro cuore sia pieno di gioia: la gioia vera viene da Te.

Io sono in loro e Tu in me: che sian perfetti nell'unità;
e il mondo creda che Tu mi hai mandato, li hai amati come ami me.



GENTI TUTTE – (PANGE LINGUA)
( )

Genti tutte proclamate il mistero del Signor,
del Suo corpo e del Suo sangue che la Vergine donò
e fu sparso in sacrificio per salvar l'umanità.

Dato a noi da Madre pura per tutti noi s'incarnò,
la feconda Sua parola tra le genti seminò,
con amore generoso la Sua vita consumò.

Nella notte della cena coi fratelli si trovò,
Del pasquale sacro rito ogni regola compì,
e agli Apostoli ammirati come cibo si donò.

La parola del Signore pane e vino trasformò,
pane in carne, vino in sangue in memoria consacrò.
Non i sensi, ma la fede prova questa verità.



INNO ALLA CROCE I - TI SALUTO O CROCE SANTA
(P. DAMILANO)

Rit. Ti saluto, o Croce Santa,
che portasti il Redentor:
gloria, lode, onor ti canta
ogni lingua ed ogni cuor.

Sei vessillo glorioso di Cristo,
Sua vittoria e segno d’amor:
il Suo sangue innocente fu visto
come fiamma sgorgare dal cuor.

Rit. Ti saluto, o Croce Santa, …

Tu nascesti fra le braccia amorose
d’una Vergine Madre, o Gesù;
Tu moristi fra braccia pietose
d’una croce che data Ti fu.

Rit. Ti saluto, o Croce Santa, …

O Agnello divino, immolato
sulla croce crudele, pietà!
Tu, che togli del mondo il peccato,
salva l’uomo che pace non ha.

Rit. Ti saluto, o Croce Santa, …

Del giudizio nel giorno tremendo
sulle nubi del cielo verrai:
piangeranno le genti vedendo
qual trofeo di gloria sarai.

Rit. Ti saluto, o Croce Santa, …



L’ACQUA VIVA
(m. fRISINA)

Chi berrà la mia acqua non avrà più sete in eterno
e quest’acqua sarà per lui fonte di vita per l’eternità.

Affannáti e stanchi, voi oppressi e poveri venite,
attingete con gioia a Lui, alla sorgente di felicità.

Fiumi di acqua viva sgorgheranno in colui che crederà
nel Signore che dona a noi l’acqua di vita e di verità.

Percuotendo una roccia dissetasti il popolo in cammino.
Fa’ che sempre noi camminiam nel Tuo timore, nella fedeltà.

Fonte inesauribile, pace eterna, carità perfetta,
noi a mensa con Te sediam, dolce, immensa, Santa Trinità. Amen.



MOSTRAMI IL TUO VOLTO
(F. FRAGIACOMO)

Rit. Di Te ha detto il mio cuore:
cercate il Suo volto.
Il Tuo volto , Signore, io cerco,
mostrami il Tuo volto.
Il Tuo volto , Signore, io cerco,
mostrami il Tuo volto.

Non nascondermi il Tuo volto,
non respingere il Tuo servo,
sei Tu il mio aiuto,
non lasciarmi Dio, mia salvezza.

Rit. Di Te ha detto il mio cuore: …

Mostrami Signore la Tua via,
guidami sul retto cammino
lontano dallo sguardo del male,
la Tua via mostrami, Signore.

Rit. Di Te ha detto il mio cuore: …

Sono certo della bontà del Signore
nella terra dei viventi,
spera nel Signore
si rinfranchi il tuo cuore

Rit. Di Te ha detto il mio cuore: …



PADRE CHE HAI FATTO OGNI COSA

Padre, che hai fatto ogni cosa dal nulla:
Santo, Santo, Santo è il Tuo Nome!
Figlio, che regni glorioso in eterno:
Santo, Santo, Santo è il Tuo Nome!
Spirito Santo di grazia e d’amore:
Santo, Santo, Santo è il Tuo Nome!

Hai posto il Tuo trono nel sole,
Tu chiami le stelle per nome;
il cielo, cantando a Te gloria, proclama:
Santo, Santo, Santo è il Tuo Nome!

Il candido coro degli angeli,
la schiera gloriosa dei martiri,
la Chiesa, per tutta la terra, proclama:
Santo, Santo, Santo è il Tuo Nome!
Santo, Santo, Santo è il Tuo Nome!



PADRE PERDONA

Rit. Signore ascolta, Padre perdona!
Fa’ che vediamo il Tuo amore.

A Te guardiamo, Redentore nostro,
da Te speriamo gioia di salvezza:
fa’ che troviamo grazia di perdono.
Rit.

Ti confessiamo ogni nostra colpa,
riconosciamo ogni nostro errore
e Ti preghiamo: dona il Tuo perdono.
Rit.

O Buon Pastore, Tu che dai la vita,
Parola certa, Roccia che non muta,
perdona ancora, con pietà infinita.
Rit.

Riconosciamo d’esser peccatori,
ma il cuor contrito s’apre alla speranza:
o Redentore, sii con noi pietoso.
Rit.



PANGE LINGUA – TANTUM ERGO
(GREGORIANO) LINGUA – TANTUM ERGO
(GREGORIANO)

Pange, lingua, gloriòsi
Còrporis mystèrium
Sanguinìsque pretiòsi,
quem, in mundi prètium,
fructus ventris generosi
Rex effùdit gentium.

Nobis datus, nobis natus
ex intàcta Virgine,
et in mundo conversàtus
sparso Verbi semine,
Sui moras incolàtus
miro clàusit ordine.

In suprèmæ nocte cœnæ
recumbèns cum fràtribus,
observàta lege plene
cibis in legàlibus,
cibum turbæ duodenæ
se dat suis mànibus.

Verbum caro, Panem verum
verbo carnem èfficitìtque
Sànguis Christi merum;
si sensus dèficit,
ad firmàndum cor sincerum
sola fìdes sùfficit.

Tantum ergo Sacramentum
venerèmur cèrnui;
et antìquum documentum
novo cèdat rìtui:
præstet fides supplementum
sènsuum defèctui.

Genitori Genitòque
laus et jubilàtio,
salus, honor, vìrtus quòque
sit et benedìctio:
Procedènti ab utròque
còmpar sit laudàtio. Amen.

Canta, o lingua, il mistero
del Corpo glorioso
e del Sangue prezioso,
che, a prezzo del mondo,
frutto di un nobile seno
sparse il Re delle genti.

A noi dato, per noi nato
da una Vergine Immacolata,
e vissuto nel mondo
spargendo il seme della Parola,
la Sua vita nel tempo
meravigliosamente chiuse.

Nella notte dell’ultima cena,
seduto tra i fratelli,
integralmente osservata la legge
dei cibi prescritti,
in cibo al gruppo dei dodici
si dà con le Sue mani.

Per il Verbo incarnato, il Pane vero
con una parola diventa Carne,
e il vino diventa Sangue di Cristo;
e, se il senso non percepisce,
a raffermare un cuore sincero
la sola fede basta.

Dunque un così gran Sacramento
prostrati adoriamo;
e l’antico testamento
ceda al rito nuovo:
doni la fede un supplemento
alla povertà dei sensi.

Al Padre e al Figlio
sia lode e giubilo,
l’inno, la gloria e la potenza
e la benedizione in eterno:
allo Spirito che da entrambi procede
sia uguale in eterno l’onore. Amen



Pange, lingua, gloriòsi
Còrporis mystèrium
Sanguinìsque pretiòsi,
quem, in mundi prètium,
fructus ventris generosi
Rex effùdit gentium.

Nobis datus, nobis natus
ex intàcta Virgine,
et in mundo conversàtus
sparso Verbi semine,
Sui moras incolàtus
miro clàusit ordine.

In suprèmæ nocte cœnæ
recumbèns cum fràtribus,
observàta lege plene
cibis in legàlibus,
cibum turbæ duodenæ
se dat suis mànibus.

Verbum caro, Panem verum
verbo carnem èfficitìtque Sànguis Christi merum;
et, si sensus dèficit,
ad firmàndum cor sincerum
sola fìdes sùfficit.

Tantum ergo Sacramentum
venerèmur cèrnui;
et antìquum documentum
novo cèdat rìtui:
præstet fides supplementum



PURIFICAMI, O SIGNORE

(A. MARTORELL)

Rit. Purificami, o Signore, sarò più bianco della neve.

Pietà di me, o Dio, nel Tuo amore, nel Tuo affetto cancella il mio peccato
e lavami da ogni mia colpa, purificami da ogni mio errore.
Rit.

Il mio peccato io lo riconosco; il mio errore mi è sempre dinanzi;
contro Te, contro Te solo ho peccato: quello che è male ai Tuoi occhi io l'ho fatto.
Rit.

Così sei giusto nel Tuo parlare e limpido nel Tuo giudicare.
Ecco, malvagio sono nato, peccatore mi ha concepito mia madre.
Rit.

Ecco, Ti piace verità nell’intimo, e, nel profondo, mi insegni la sapienza.
Se mi purifichi con issopo sono limpido, se mi lavi sono più bianco della neve.
Rit.

Crea in me, o Dio, un cuore puro, rinnova in me uno spirito fermo;
non cacciarmi lontano dal Tuo volto, non mi togliere il Tuo spirito di santità.
Rit.

Fammi udire gioia e allegria, esulteranno le ossa che hai fiaccato;
nascondi il Tuo volto dai miei errori, e tutte le mie colpe cancella.
Rit.

Ritorni a me la Tua gioia di salvezza, sorreggi in me uno spirito risoluto.
Insegnerò ai peccatori le Tue vie e gli erranti ritorneranno a Te.
Rit.

Liberami dal sangue, o Dio, mia salvezza, la mia lingua griderà la Tua giustizia.
Signore, apri le mie labbra, la mia bocca annuncierà la Tua lode.
Rit.

Le vittime non Ti sono gradite, se Ti offro olocausto non lo vuoi.
La mia vittima è uno spirito affranto, non disprezzi un cuore affranto e fiaccato.
Rit.

Nella Tua bontà favorisci Sion, ricostruisci le mura di Gerusalemme:
e gradirai le vittime di giustizia, e vitelli sul suo altare.
Rit.

Sia gloria al Padre onnipotente, al Figlio, Gesù Cristo, Signore,
allo Spirito Santo, Amore, nei secoli dei secoli. Amen.
Rit.



PURIFICAMI, O SIGNORE

(A. MARTORELL)

Rit. Purificami, o Signore, sarò più bianco della neve.

Pietà di me, o Dio, nel Tuo amore, nel Tuo affetto cancella il mio peccato
e lavami da ogni mia colpa, purificami da ogni mio errore.
Rit.

Il mio peccato io lo riconosco; il mio errore mi è sempre dinanzi;
contro Te, contro Te solo ho peccato: quello che è male ai Tuoi occhi io l'ho fatto.
Rit.

Così sei giusto nel Tuo parlare e limpido nel Tuo giudicare.
Ecco, malvagio sono nato, peccatore mi ha concepito mia madre.
Rit.

Ecco, Ti piace verità nell’intimo, e, nel profondo, mi insegni la sapienza.
Se mi purifichi con issopo sono limpido, se mi lavi sono più bianco della neve.
Rit.

Crea in me, o Dio, un cuore puro, rinnova in me uno spirito fermo;
non cacciarmi lontano dal Tuo volto, non mi togliere il Tuo spirito di santità.
Rit.



QUESTO È IL TEMPO
( )

Rit. Questo è il tempo, questo è il tempo,
questo è il tempo di salvezza per noi.

Tempo di ritornare al Signore,
tempo di convertire il cuore,
tempo di rinnovare l'amore per Lui.

Rit. Questo è il tempo, questo è il tempo, …

Tempo di ascoltare il Signore,
tempo di ricercare la luce,
tempo di confermare la fede in Lui.

Rit. Questo è il tempo, questo è il tempo, …

Tempo di obbedire al Signore,
tempo di rinunciare al male,
tempo di camminare nel bene con Lui.

Rit. Questo è il tempo, questo è il tempo,

Tempo di rivestire il Signore,
tempo di trasformare la vita,
tempo di ritrovare la gioia in Lui.

Rit. Questo è il tempo, questo è il tempo


SIGNORE DIO IN TE CONFIDO

(L.d.P. COR. BACH)


Signore Dio, in Te confido:
Tu sei speranza del mio cuor.
Nell’ansie mie a Te m’affido;
vicino a Te non ho timor.

Rit. In Te fidente non cadrò;
al gaudio eterno giungerò.

Tu sei il mio gaudio, mia fortezza:
del Tuo amor non mi privar.
Da Te io spero la salvezza;
non sia vano il mio sperar.
Rit.




Torna ai contenuti | Torna al menu