Vai ai contenuti

Menu principale:


Natale

La PARROCCHIA > Canzoniere

ADESTE FIDELES
(J. F. WADE, 1740)

Adeste fideles, laeti triumphantes;
venite, venite in Betlehem.
Natum videte regem angelorum.

Rit. Venite adoremus, venite adoremus,
venite adoremus Dominum.

En grege relicto, humiles ad cunas.
Vocati pastores adproperant:
et nos ovanti gradu festinemus:
Rit.

Æterni Parentis splendorem aeternum,
velatum sub carne videbimus:
Deum infantem, pannis involutum.
Rit.

Ergo qui natus die hodierna,
Jesu, tibi sit gloria,
Patris aeterni, Verbum caro factum est.
Rit.



ASTRO DEL CIEL
(F. GRUBER, 1818)

Astro del ciel, Pargol Divin, mite Agnello Redentor.
Tu che i vati da lungi sognar, Tu che angeliche voci annunciar.
Luce dona alle menti pace infondi nei cuor. (bis)

Astro del ciel, Pargol Divin, mite Agnello Redentor.
Tu di stirpe regale decor, Tu virgineo mistico fior.
Luce dona alle menti pace infondi nei cuor. (bis)

Astro del ciel, Pargol Divin, mite Agnello Redentor.
Tu disceso a scontare l'error Tu sol nato a parlare d'amore.
Luce dona alle menti pace infondi nei cuor. (bis)



CANTICORUM JUBILO
(G F. HÄNDEL, 1685 - 1759)

Rit. Canticorum jubilo Regi magno psalite.

Iam resultent musica,
Unda, telus, sidera.
Rit.

Personantes organis,
Jubilate, plaudite.
Rit.



DIO S'È FATTO COME NOI
(M. GIOMBINI)

Dio s'è fatto come noi, per farci come Lui.

Rit. Vieni Gesù, resta con noi! Resta con noi!

Viene dal grembo di una donna, la Vergine Maria.
Rit.

Tutta la storia l’aspettava, il nostro Salvatore.
Rit.

Egli era un uomo come noi, e ci ha chiamato amici.
Rit.

Egli ci ha dato la Sua vita, insieme a questo Pane.
Rit.

Noi che mangiamo questo Pane, saremo tutti amici.
Rit.

Noi che crediamo nel Suo amore, vedremo la Sua gloria.
Rit.

Vieni, Signore, in mezzo a noi, resta con noi per sempre.
Rit.




È NATALE (FORZA VENITE GENTE)
(PAOLUCCI)

Ecco la stalla di Greccio con l'asino e il bove
e i pastori di coccio che accorrono già .
Monti di sughero, prati di muschio,
col gesso per neve, lo specchio per fosso
la stella che va.

Ecco la greppia, Giuseppe e Maria.
Lassù c'è già l'angelo di cartapesta
che insegna la via, che annuncia la festa,
che il mondo lo sappia e che canti così :

Rit. È Natale, è Natale,
è Natale, anche qui.

Carta da zucchero, fiocchi di lana,
le stelle e la luna, stagnola d'argento,
la vecchia che fila, l'agnello che bruca,
la gente che dica e che canti così :

Rit. È Natale, è Natale,
è Natale, anche qui.

Ecco il presepio giocondo,che va per il mondo,
per sempre portando la buona novella,
seguendo la stella che splende nel cielo
e che annuncia così :

Rit. È Natale, è Natale,
è Natale, anche qui.



È NATO IL SALVATORE

(REPERTORIO DI SPIRA, 1599)

È nato il Salvatore, Dio ce lo donò.
È nato da Maria, Ella ce lo portò.
Egli è nato in mezzo a noi:
Gesù, Signore nostro,
noi crederemo in Te.

Appare nella notte la nostra povertà.
Appare, ed è un bambino,uomo che soffrirà.
Un bambino in mezzo a noi:
Gesù, fratello nostro,
noi spereremo in Te.

Angeli del Tuo cielo cantano gloria a Te;
cantano: pace in terra, per chi Ti accoglie in sé.
Ti accogliamo in mezzo a noi:
Gesù, che vivi in cielo,
fa che viviamo in Te.



IN NOTTE PLACIDA
(F. COUPERIN)

In notte placida, per muto sentier,
dai campi dei cieli discese l'Amor,
all'alme fedeli il Redentor!
Nell'aura è il palpito d'un grande mister;
del nuovo Israello nato è il Signor,
il fiore più bello dei nostri fior…

Cantate, popoli, gloria all'Altissimo!
L'animo aprite a speranza, ad amor.
Cantate, popoli, gloria all'Altissimo!
L'animo aprite a speranza, ad amor.
Gloria !

Se l'aura è gelida, se fosco è il ciel,
oh, vieni al mio cuore, vieni a posar,
Ti vo' col mio amore riscaldar.
Se il fieno è rigido, se il vento è crudel,
un cuore che T'ama voglio a Te dar,
un sen che Te brama, Gesù, cullar...



JUBILATE DEO

Jubilate Deo, omnis terra.
Servite Domino in laetitia.
Alleluia, alleluia, in laetitia!
Alleluia, alleluia, in laetitia!



LIETO ANNUNCIO
(L. NAVA – A. SCHUBIGER)

Lieto annuncio risuonò,
luce nuova sfolgorò:
Cristo è dato all’umanità!

Rit. Hai vinto ormaI le tenebre:
sei nato Re del modo!
Hai vinto ormaI le tenebre:
sei nato Re del modo!

Gioia piena brilla in noi:
vive qui l’eternità,
nasce nuova l’umanità!



STILLE NACHT
( )

Stille Nacht, Heilige Nacht!
Alles schläft; einsam wacht.
Nur das traute hoch heilige Paar.
Hol der Knabe im lockiger Haar.
Schlaft in himmlischer Ruh'! (2x)

Stille Nacht, Heilige Nacht!
Gottes Sohn, o wie lacht
Lieb' aus deinem gottlichen Mund,
Da uns schlagt di rettende Stund.
Jesus in deiner Geburt. (2x)

Stille Nacht, Heilige Nacht!
Hirten erst kundgemacht;
Durch der Engel Alleluia,
Tont es laut bei Ferne und Nah:
Jesus der Retter ist da! (2x)



TE DEUM
(GREGORIANO) E DEUM
(GREGORIANO)

Te, Dèum, laudàmus,
Te, Dòminum, confitèmur.

Te, ætèrnum Pàtrem,
òmnis terra veneràtur.

Tibi òmnes angeli, tibi cœli,
et univèrsæ potestàtes.

Tibi Chèrubim et Sèraphim,
incessàbili vòce proclàmant.

«Sanctus, Sanctus, Sanctus
Dòminus, Dèus Sàbaoth.

Pleni sunt cœli et terra,
majestatis gloriæ Tuæ»

Te gloriòsus
Apostolòrum chòrus

Te Prophetàrum,
laudàbilis nùmerus.

Te Màrtyrum candidàtus,
làudat exèrcitus.

Te per òrbem terràrum
sancta confitètur Ecclèsia.

Patrem
immènsæ majestàtis.

Veneràndum Tuum vèrum,
et ùnicum Fìlium.

Sanctum quòque:
Paràclitum Spìritum.

Tu Rex glòriæ,
Christe.

Tu Patris,
Sempitèrnus es Fìlius.

Tu ad liberàndum susceptùrus hòminem
non horruìsti Vìrginis ùterum.

Tu, devìcto mortis acùleo,
aperuìsti credèntibus règna cœlorum.

Tu ad dèxteram Dei sèdes,
in glòria Patris.

Jùdex crèderis,
esse ventùrus.

Te èrgo, qæsumus, tuis fàmulis sùbveni
quòs prætiòso sànguine redemìsti.

Æterna fac cum Sànctis tuis
in Gloria numeràri.

Sàlvum fac pòpulum tuum, Dòmine,
et bènedic hæreditàti tuæ.

Et rège èos,
et extòlle ìllos usque in æternum.

Per sìngulos dìes,
benedìcimus Te.

Et laudàmus nòmen tuum in sæculum,
et in sæculum sæculi.

Dignàre, Dòmine, die isto
sine peccàto nos custodìre.

Miserère nostri, Dòmine,
miserère nostri.

Fìat misericòrdia tua, Dòmine, super nòs,
quemàdmodum superàvimus in Te.

In Te, Dòmine, speràvi:
non confùndar in æternum.



NOI TI LODIAMO, DIO (te deum)

Noi Ti lodiamo, Dio, * Ti proclamiamo Signore.

O eterno Padre * tutta la terra Ti adora

A Te cantano gli angeli * e tutte le potenze dei cieli:

Santo Santo, Santo * il Signore Dio dell’universo.

I cieli e la terra * sono pieni della Tua gloria

Ti acclama il coro degli apostoli *
e la candida schiera dei martiri.

Le voci dei profeti si uniscono nella Tua lode; *
la santa Chiesa proclama la Tua gloria,

adora il Tuo unico Figlio * e lo Spirito Santo Paraclito.

O Cristo, re della gloria, * eterno Figlio del Padre,

Tu nascesti dalla Vergine Madre * per la salvezza dell’uomo.

Vincitore della morte, * hai aperto ai credenti il regno dei cieli.

Tu siedi alla destra di Dio, nella gloria del Padre. *
Verrai a giudicare il mondo alla fine dei tempi.

Soccorri i Tuoi figli, Signore *
che hai redento col Tuo sangue prezioso.

Accoglici nella Tua gloria * nell’assemblea dei Santi.

Salva Il Tuo popolo, Signore, * guida e proteggi i Tuoi figli.

Ogni giorno Ti benediciamo, * lodiamo il Tuo nome per sempre.

DegnaTi oggi, Signore, * di custodirci senza peccato.
Sia sempre con noi la Tua misericordia: * in Te abbiamo sperato.

Pietà di noi, Signore * pietà di noi.

Tu sei la nostra speranza, * non saremo confusi in eterno.




TU SCENDI DALLE STELLE
(S. A. M. de’ LIGUORI, 1755)

Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e vieni in una grotta al freddo, al gelo,
e vieni in una grotta al freddo, al gelo.
O bambino mio divino, io Ti vedo qui a tremar.
O Dio beato! Ah, quanto Ti costò l’avermi amato,
oh, quanto Ti costò l’avermi amato!

A Te che sei del mondo il creatore
mancano panni e fuoco, o mio Signore,
mancano panni e fuoco, o mio Signore,
Caro eletto pargoletto, quanto questa povertà
più m’innamora! Giacchè Ti fece, amor, povero ancora,
giacché, Ti fece, amor, povero ancora.

Tu godi il bel gioire a Dio nel seno
e vieni qui a penare su questo fieno,
e vieni qui a penare su questo fieno.
Dolce amore del mio cuore, dove amor Ti trasportò?
O Gesù mio: perché tanto patir? Per amor mio!
Perché tanto patir? Per amor mio!



VENITE FEDELI (Traduzione)


Venite, o fedeli, lieti, trionfanti;
venite, venite in Betlemme.
Vedete il Nato Re degli angeli.

Rit. Venite adoriamo, venite adoriamo,
venite adoriamo il Signore.

Ecco, lasciato il gregge, gli umili pastori,
chiamati alla culla, si avviano:
e noi con passo giulivo affrettiamoci.
Rit.

Dell’Eterno Padre, l’eterno splendore,
nascosto nella carne vedremo:
un Dio bambino, avvolto in fasce.
Rit.



VENITE FEDELI

(J. F. WADE, 1740)

Venite, fedeli, l'Angelo c'invita,
venite, venite a Betlemme.

Rit. Nasce per noi Cristo Salvatore.
Venite adoriamo, venite adoriamo,
venite adoriamo, il Signore Gesù!

La luce del mondo brilla in una grotta:
la fede ci guida a Betlemme.
Rit.

La notte risplende, tutto il mondo attende:
seguiamo i pastori a Betlemme.
Rit.

Il Figlio di Dio, Re dell’universo,
si è fatto bambino a Betlemme.
Rit.

“Sia gloria nei cieli, pace sulla terra”
un angelo annuncia a Betlemme.
Rit.




Torna ai contenuti | Torna al menu