Vai ai contenuti

Menu principale:


Domenica della Parola

NEWS

La Domenica della Parola


La "Domenica della Parola", proposta da parte della Famiglia Paolina e della Comunità di Sant'Egidio, è stata presentata ufficialmente sabato 27 maggio al Festival Biblico di Vicenza e fissata per il 24 settembre, in prossimità della festa di san Girolamo, il grande Dottore e Padre della Chiesa che tradusse in latino la Sacra Scrittura.
A suo riguardo, papa Benedetto XVI pronunciò queste parole, nel corso dell' udienza generale del mercoledì 7 novembre 2007:

Che cosa possiamo imparare noi da san Girolamo? Mi sembra soprattutto questo: amare la Parola di Dio nella Sacra Scrittura. Dice san Girolamo: "Ignorare le Scritture è ignorare Cristo" (Commento ad Isaia, prol.). Perciò è importante che ogni cristiano viva in contatto e in dialogo personale con la Parola di Dio, donataci nella Sacra Scrittura. Questo nostro dialogo con essa deve sempre avere due dimensioni: da una parte, dev'essere un dialogo realmente personale, perché Dio parla con ognuno di noi tramite la Sacra Scrittura e ha un messaggio per ciascuno. Dobbiamo leggere la Sacra Scrittura non come parola del passato, ma come Parola di Dio, che si rivolge anche a noi, e cercare di capire che cosa il Signore voglia dire a noi. Ma per non cadere nell'individualismo dobbiamo tener presente che la Parola di Dio ci è data proprio per costruire comunione, per unirci nella verità nel nostro cammino verso Dio. Quindi essa, pur essendo sempre una Parola personale, è anche una Parola che costruisce comunità, che costruisce la Chiesa. Perciò dobbiamo leggerla in comunione con la Chiesa viva. Il luogo privilegiato della lettura e dell'ascolto della Parola di Dio è la Liturgia, nella quale, celebrando la Parola e rendendo presente nel Sacramento il Corpo di Cristo, attualizziamo la Parola nella nostra vita e la rendiamo presente tra noi. Non dobbiamo mai dimenticare che la Parola di Dio trascende i tempi. Le opinioni umane vengono e vanno. Quanto è oggi modernissimo, domani sarà vecchissimo. La Parola di Dio, invece, è Parola di vita eterna, porta in sé l'eternità, ciò che vale per sempre. Portando in noi la Parola di Dio, portiamo dunque in noi l'eterno, la vita eterna.
E così concludo con una parola di san Girolamo a san Paolino di Nola. In essa il grande Esegeta esprime proprio questa realtà, che cioè nella Parola di Dio riceviamo l'eternità, la vita eterna. Dice san Girolamo: "Cerchiamo di imparare sulla terra quelle verità, la cui consistenza persisterà anche nel cielo" (Ep. 53,10).

Il "sigillo" a questa iniziativa è arrivato da papa Francesco nella lettera apostolica firmata a conclusione dell'Anno Santo della misericordia: "Sarebbe opportuno", ha scritto Bergoglio nella Misericordia et misera, "che ogni comunità, in una domenica dell'Anno liturgico, potesse rinnovare l'impegno per la diffusione, la conoscenza e l'approfondimento della Sacra Scrittura: una domenica dedicata interamente alla Parola di Dio, per comprendere l'inesauribile ricchezza che proviene da quel dialogo costante di Dio con il suo popolo". La "Domenica della Parola" dovrà rilanciare non solo la conoscenza della Bibbia ma anche la gioia nel leggerla e riconoscerla come guida nel cammino della vita di ognuno.



Torna ai contenuti | Torna al menu