Vai ai contenuti

Menu principale:


cosa è il sacramento della confessione

Il SANTUARIO > VITA DELLO SPIRITO > SACRAMENTO DELLA CONFESSIONE

LA CONFESSIONE


Il sacramento della confessione è stato uno dei punti forti del Santuario della Marcelliana grazie alla presenza dei Frati Minori che, come ogni devoto ha ben potuto sperimentare, sono particolarmente disponibili all'ascolto e sensibili al mandato di amministrare la misericordia di Dio.

Nel Vangelo sono testimoniati innumerevoli episodi del perdono divino, sia in parabole per illustrare la logica della misericordia del Padre, sia in atti concreti volti a sanare anima e corpo di peccatori esemplari in carne ed ossa; ma le confessioni esplicite, dove cioè è il peccatore stesso a chiedere perdono dei suoi peccati, sono solo due: quella del Figliol Prodigo, in parabola, e quella del Buon Ladrone durante gli ultimi istanti della vita terrena di Gesù.


Lo scopo della confessione è la riconciliazione con Dio e con la Chiesa; vedere il Padre nostro accoglierci con gioia nelle sue braccia, dimentico delle nostre mancanze; sentire Gesù che ci rassicura:


"Sarai con me in Paradiso!"

Grazie alla confessione, ci liberiamo dalla sporcizia che ha intaccato la nostra anima; Dio può così risanare le nostre ferite e donarci la forza per affrontare nuove battaglie.


PER CONFESSARSI BENE


1 - Preparazione con la preghiera e l'esame di coscienza dall'ultima confessione ben fatta.

2 - Contrizione, cioè dolore e detestazione dei peccati commessi col proposito di non più peccare.

3 - Confessione al Sacerdote di tutti e singoli i peccati gravi con cui si è interrotta la comunione con Dio; è molto utile confessare i peccati veniali.

4 - La soddisfazione o penitenza è rimedio del peccato e riparazione delle sue conseguenze.

N.B. Per l'esame di coscienza richiama alla mente i peccati commessi in pensieri, parole, opere ed omissioni verso Dio, la Chiesa, la famiglia e la società.


per continuare: La Parola, guida della nostra vita


Torna ai contenuti | Torna al menu