Vai ai contenuti

Menu principale:


1° Confessione III Elementare-2011

NEWS

Il Buon Pastore e le nostre pecorelle

Secondo turno di Prime Confessioni! Rieccoci allora nuovamente in trasferta nel santuario di Barbana, stavolta coi piccolini preparati dalla catechista Patrizia. Il parroco non è proprio in gran forma, “l'amica” Menière quest'anno non vuol saperne di lasciarlo in pace; eppure col grido di “Barcollo ma non mollo!” s’è messo alla testa delle sue pecorelle e le ha condotte sicure nelle braccia del Padre.
La giornata si è aperta con la Santa Messa, celebrata in privato nella cappella della Domus Mariae, e poi è stata una festa di insalate di riso e torte salate condivise all’ombra delle fronde. Dopo mangiato, mentre i bambini hanno stretto amicizia con altri coetanei pellegrini calciando un pallone, i grandi si son messi a giocare …al teatro! Patrizia ha infatti deciso di coinvolgerli affidando loro la recita di una
pièce per la gioia (e l’edificazione) dei loro pargoli: “La storia di Bianchina”.

Scelti il pastore, la pecorella birichina, travestiti come veri, tra lupi divertiti e pecore recalcitranti, la rappresentazione si è svolta sul prato di fronte al santuario sotto gli occhi attenti e divertiti dei bimbi. Molto probabilmente la nostra compagnia non riceverà mai un ingaggio da alcun teatro serio, ma il messaggio i bambini non lo dimenticheranno: noi possiamo anche perderci, ma Dio è un pastore immensamente buono che mai smetterà di cercarci e, una volta trovati, non ci punirà ma curerà le nostre ferite e sarà gioia grande.
E’ infatti cantando “Facciamo festa” che ci siamo avviati verso la Domus Mariae: qui i bambini hanno potuto raccogliersi per il loro esame di coscienza individuale. Dopo aver annotato i propri peccati sui cuori grigi da consegnare al sacerdote come segno del loro pentimento al momento della confessione, ci siamo finalmente recati al santuario per la celebrazione.

Questa ha avuto un carattere di particolare intimità, potendo usufruire della cappella delle confessioni, e di vero raccoglimento; anche i genitori hanno partecipato con attenzione e dando volentieri il loro contributo. Tutto si è svolto con semplicità, con quella naturalezza che dovrebbe essere sempre propria dei bambini e che, stavolta, si è trasmessa anche a noi grandi.
Infatti il commento di una delle nonne, a fine giornata, è stato “Oggi ho provato davvero una grande serenità”.
L’unico rammarico è stata l’assenza di Giulia e Giuseppe, che per gravi motivi familiari non hanno potuto essere presenti: la loro prima confessione è così rimandata a settembre. Ricordiamoli dunque nelle nostre preghiere, mentre serbiamo nel cuore la gioia di questa giornata e rinnoviamo il nostro abbraccio a tutti i partecipanti.

(Roberta B.)


Torna ai contenuti | Torna al menu